heade 22-10-2014r

PON_quadrato_02_167PON 2014-2020

sidebar

Giornale del Liceo
Meta

a

Quadro orario e profilo formativo

a

Materie I II III IV V
Religione o mat. alternative 1 1 1 1 1
Lingua e lett. italiana 4 4 4 4 4
Lingua  latina 2 2
Lingua e cultura straniera 1* 4 4 3 3 3
Lingua e cultura straniera 2* 3 3 4 4 4
Lingua e cultura straniera 3* 3 3 4 4 4
Storia e geografia 3 3
Storia 2 2 2
Filosofia 2 2 2
Matematica** 3 3 2 2 2
Scienze Naturali*** 2 2 2 2 2
Fisica 2 2 2
Storia dell’Arte 2 2 2
Scienze motorie e sportive 2 2 2 2 2
Tot. ore settimanali 27 27 30 30 30

* Sono comprese 33 h. annuali di conversazione con docente di madrelingua
**  con Informatica al primo biennio
*** Biologia, Chimica, Scienze della terra

    

Il percorso del liceo linguistico si pone come obiettivo la formazione umana e culturale dei giovani chiamati a essere i cittadini di domani, europei e del mondo, affinché attraverso la conoscenza e la comprensione delle diverse lingue e culture straniere possano sviluppare una profonda e consapevole capacità di comunicare, aperta e priva di pregiudizi, nell’ottica di una crescita dei valori comuni e di una condivisione dei progressi in tutti i campi del sapere.
Sulla base di tale principio e a partire dalle indicazioni nazionali relative al profilo culturale, educativo e professionale del Liceo Linguistico, questo indirizzo persegue le seguenti finalità:

  • educare all’accettazione e al rispetto dell’altro e del diverso da sè
  • fornire agli studenti un’ampia formazione culturale di carattere umanistico e un’adeguata formazione di carattere scientifico;
  • fornire competenze linguistiche certificabili, indispensabili per entrare in contatto con le altre culture e poi nel mondo del lavoro;
  • sviluppare potenzialità, abilità, versatilità per indirizzare verso un’autonomia di giudizio e di autoformazione continua.

Al termine del percorso di studio, oltre al raggiungimento degli obiettivi educativi comuni alla formazione liceale, il liceo linguistico si propone i seguenti risultati di apprendimento:

  • competenza comunicativa in 3 lingue straniere moderne  in contesti sociali e professionali diversi (almeno livello B2 per la lingua 1- inglese – e almeno livello B1 per la lingua 2 e 3 – francese, tedesco, spagnolo);
  • conoscenza dei sistemi linguistici e culturali dei paesi di cui si è studiata la lingua, attraverso l’analisi di opere letterarie, estetiche, visive e cinematografiche significative e attraverso lo studio delle linee fondamentali della loro storia e delle loro tradizioni;
  • capacità di affrontare in lingua diversa dall’italiano specifici contenuti disciplinari (CLIL);
  • capacità di analisi, contestualizzazione e interpretazione di testi complessi, anche effettuando collegamenti interdisciplinari;
  • capacità di comprendere, interpretare e comparare i diversi ambiti del sapere, anche in relazione alle differenti aree culturali;
  • capacità di confrontarsi in maniera aperta e costruttiva con la cultura di altri popoli, avvalendosi di esperienze di contatto e di scambio.

Nello specifico,  l’apprendimento delle lingue si colloca in un contesto di formazione completa, in cui l’aspetto prevalentemente linguistico e letterario – assicurato dall’Italiano e dal Latino e dalle Lingue straniere – non è disgiunto dalla componente scientifico- matematica.
Le lingue vengono apprese  mettendo al primo posto l’aspetto fondamentale della comunicazione viva, e in questo senso la presenza del lettore di madre lingua consente la trasmissione delle forme e della terminologia più attuali. Tuttavia, un apprendimento efficace richiede il conseguimento di una consapevolezza rigorosa delle strutture linguistiche; nel 1° biennio lo studio del Latino si pone infatti come obiettivo non solo far conoscere le radici lessicali e strutturali dell’italiano, ma soprattutto favorire in senso più ampio la riflessione sulle strutture linguistiche.
La Filosofia e la Storia sostengono poi aspetti generali della formazione personale, l’una mediante lo sviluppo della capacità di problematizzare e riflettere sulle diverse forme del sapere, l’altra fornendo gli strumenti per cogliere le connessioni tra i fenomeni storici e l’influenza che possono ancora esercitare sul mondo attuale.  La Storia dell’Arte contribuisce alla conoscenza più approfondita e completa della cultura italiana e europea, attraverso la riflessione sulle diverse forme di espressione e comunicazione e sui rispettivi linguaggi.
Lo studio della Matematica, supportata da elementi di Informatica, e delle altre discipline scientifiche (Fisica, Biologia, Chimica, Scienze della Terra) mira a fornire agli alunni una preparazione finalizzata, attraverso algoritmi e modelli rigorosi, a risolvere problemi e a interpretare in senso logico e organico la realtà naturale, per poter comprendere le cause dei fenomeni e le trasformazioni in atto nel mondo d’oggi. Le Scienze Motorie e Sportive rappresentano poi un  percorso importante per il processo evolutivo della persona in quanto efficaci strumenti di adattamento, costruzione ed espressione del comportamento individuale in un contesto sociale. Lo studio della Religione Cattolica, per coloro che se ne avvalgano, contribuisce alla conoscenza della cultura religiosa come parte del patrimonio storico e promuove il dialogo ed il rispetto per le altre tradizioni religiose e culturali.
Con questo ventaglio di discipline si fornisce un’accurata preparazione che consente l’accesso a tutti gli indirizzi universitari.

Sbocchi:
–    Tutte le Facoltà Universitarie
–    Scuole di Interpretariato e Traduzione
–    Mondo del lavoro: Aziende, Turismo, Industrie (Ufficio Marketing e Rapporti con l’estero), Servizi.

a


Print Friendly

logo-albo-online

Amministrazione Trasparente

Docenti e ATA
Brochure

Opuscolo Illustrativo del Liceo

Statistiche
Visitatori oggi: 59
Online ora: 3
INFORMATION

English Française Deutsch Español